La nutrizione medica è la nutrizione di una persona malata, il cui scopo, in primo luogo, aiutare il suo recupero e, in secondo luogo, fornire al corpo il più possibile i nutrienti (nutrienti) necessari. In alcuni casi ( diabete , ulcera peptica , ulcera gastrica e duodenale, colite, obesità , ecc.) gli alimenti salutari possono agire come agente terapeutico primario.

Nella maggior parte dei casi, la terapia nutrizionale deve essere utilizzata in combinazione con altri trattamenti. A volte serve come sfondo terapeutico obbligatorio per l’uso di altri mezzi terapeutici, inclusi specifici (ad esempio, per le malattie infettive).

La dieta è prescritta dal medico curante, tenendo conto della natura della malattia, delle indicazioni e delle controindicazioni, delle caratteristiche del decorso delle malattie principali e concomitanti, dei gusti del paziente e delle sue tradizioni nazionali.

I principi della terapia nutrizionale

I principi moderni della terapia nutrizionale includono:

1) l’uso di diete che possono influenzare il corpo nel suo insieme e non solo l’organo malato;

2) risparmiare o allenare i sistemi enzimatici colpiti dalla malattia – introducendo o, viceversa, eliminando eventuali fattori nutrizionali specifici; così come il digiuno terapeutico, ad es. scarico del corpo;

3) variabilità nell’uso delle diete, ad es. la loro applicazione in accordo con il decorso della malattia. Ad esempio, le diete parsimoniose sono inadeguate e, con un uso prolungato, possono portare a un indebolimento del corpo.

Tattiche della terapia dietetica 

Esistono due diversi sistemi di nutrizione terapeutica: di gruppo e individuale, che si basano sul principio della prescrizione di diete.

In tutti i casi, il principio del risparmio viene solitamente utilizzato all’inizio del trattamento. Consiste nel seguire diete rigide. In futuro, per prevenire l’inedia parziale in relazione a determinati nutrienti e allenare meccanismi funzionali leggermente disturbati per ripristinarli, si dovrebbe passare al principio di allenamento. Viene eseguito secondo il sistema “a gradini” e il sistema a “zigzag”.

Sistema “a gradini” . Prevede la graduale espansione della dieta rigorosa iniziale a causa della graduale rimozione delle restrizioni. Quando si passa al principio dell’allenamento, è necessario tenere presente che essere troppo frettolosi per espandere la dieta – oltre a stringerla eccessivamente – può avere un effetto negativo. Per evitare ciò, è necessario concentrarsi sulla dinamica dei segni clinici, sullo stato dei meccanismi funzionali alterati e sulle conseguenze associate.

Questo sistema, in caso di eliminazione del processo patologico, consente di dosare il graduale ampliamento della dieta – fino al passaggio a una dieta razionale che soddisfi i bisogni fisiologici dell’organismo.

Sistema a zig zag . Fornisce un cambiamento relativamente brusco e a breve termine nella dieta. Tali diete e, di conseguenza, i giorni della loro applicazione sono chiamate contrastanti.

Le diete a contrasto (giorni) sono di due tipi: carico  e scarico

Diete per esercizi (“più-zigzag”)sono utilizzati secondo il principio della formazione. Sono anche chiamati “vacanze”. Prevedono l’inclusione nella dieta di nutrienti, il cui contenuto è fortemente limitato o sono completamente esclusi dalla dieta principale. L’appuntamento periodico (all’inizio 1 volta 7 – giorni) le diete da stress promuovono la stimolazione a scatti di funzioni indebolite.

`Queste diete forniscono l’introduzione nel corpo di nutrienti carenti, causano un aumento dell’appetito – a seguito dell’introduzione di varietà nella dieta del paziente e facilitano la tolleranza di regimi dietetici spesso lunghi e molto rigorosi. Le diete da esercizio sono anche un test funzionale. Una buona tolleranza ad una dieta antistress è di grande importanza psicoprofilattica: rafforza la fiducia del paziente nei cambiamenti positivi che sono venuti e indica la possibilità di passare a una dieta più estesa.

Un graduale aumento della frequenza dei giorni di stress e del grado di stress, con una buona tolleranza, porta al fatto che la dieta dello stress può diventare la dieta principale e quella che era prima la principale diventa la dieta di scarico. Quindi, c’è una transizione a zigzag da una dieta rigorosa a una dieta più varia e nutriente.

Le diete di scarico (“meno-zigzag”) si basano sulla limitazione del valore energetico o sono associate a una ristrutturazione intenzionale della composizione chimica della dieta, fornendo risparmio per i meccanismi funzionali danneggiati e correggendo i disturbi metabolici.

Giorni di digiuno speciali Può essere prescritto periodicamente 1 volta in 1-10 giorni per una serie di malattie (dall’inizio del trattamento, sullo sfondo di diete relativamente rigide). È consigliabile svolgere giorni di digiuno anche dopo il ripristino delle funzioni compromesse, poiché durante questo periodo si distinguono per una certa labilità e necessitano di scarico e risparmio periodici.

Queste diete sono consigliate per: malattie del sistema cardiovascolare (ipertensione, insufficienza circolatoria, aterosclerosi e cardiopatia ischemica con obesità); obesità; diabete mellito con obesità; malattie acute dello stomaco e dell’intestino nei primi giorni di trattamento; malattia renale (nefrite acuta, insufficienza renale); malattie del fegato e delle vie biliari (esacerbazione di colecistite cronica, colelitiasi, insufficienza epatica, ecc.); gotta; urolitiasi.

In base alla prevalenza nelle razioni alimentari, le diete di scarico sono divise in vegetariane – solo alimenti vegetali (frutta, patate, verdure, riso), latticini (latte, ricotta, ecc.), zucchero, carne e pesce, liquidi (succhi di verdure e frutti).

`Le diete di scarico sono carenti nella composizione chimica e nel valore energetico, possono causare fame, quindi, a casa, vengono prescritte per 1-2 giorni e non più di 1-2 volte a settimana, tenendo conto della natura della malattia, della tolleranza di determinate diete e condizioni di trattamento: malattia acuta o esacerbazione di una malattia cronica – con disabilità temporanea (congedo per malattia) o con una malattia cronica con capacità di lavoro preservata (in quest’ultimo caso, le diete a digiuno dovrebbero essere programmate in concomitanza con i fine settimana). Se queste diete vengono utilizzate 2 giorni di seguito, è consigliabile variarle: ad esempio.