Nel digiuno intermittente, la colazione viene solitamente evitata per raggiungere i lunghi periodi di digiuno previsti: a chi piace andare a letto con lo stomaco che brontola? Altri saltano il primo pasto della giornata per perdere peso o per rimediare ai peccati nutrizionali della sera prima. Quanto è utile questo sforzo? L’influenza dell’ora del giorno sul dispendio energetico indotto dal cibo1 è ancora discussa in modo contraddittorio.

In uno studio finanziato dalla Fondazione tedesca per la ricerca, il prof. Kerstin Oltmanns, Juliane Richter e i loro colleghi della Sezione di Psiconeurobiologia dell’Università di Lubecca hanno esaminato l’influenza dell’ora del giorno e il contenuto energetico dei pasti sull’energia spesa dopo i pasti  .

Per il loro studio di laboratorio in cieco di tre giorni, 16 giovani uomini di peso normale sono stati divisi casualmente in due gruppi. Un gruppo inizialmente ha ricevuto una colazione ipocalorica e una cena ipercalorica, mentre il secondo gruppo ha iniziato con una ricca colazione e una cena ipocalorica.

Nella seconda fase dell’esperimento, i pasti dei gruppi sono stati scambiati. Il risultato principale era la termogenesi indotta dal cibo 1 delle persone del test, che gli scienziati hanno determinato utilizzando la calorimetria indiretta. Inoltre, sono stati determinati i parametri del metabolismo della glicemia e ai soggetti del test è stato chiesto della loro fame e del loro appetito per i dolci.

“I risultati mostrano che un identico apporto calorico dopo pasti sia ad alto che a basso contenuto calorico porta a una termogenesi indotta dal cibo 2,5 volte superiore al mattino rispetto alla sera. L’aumento dei livelli di zucchero nel sangue e di insulina è stato notevolmente ridotto dopo la colazione rispetto alla cena. La colazione ipocalorica ha portato ad un aumento della sensazione di fame, soprattutto per i dolci, durante tutta la giornata ”, riassume i risultati dello studio, Juliane Richter.

Di conseguenza, il consumo calorico dopo un pasto è maggiore al mattino che alla sera, indipendentemente dal suo contenuto energetico. Dopo una colazione ipocalorica, la voglia di dolci e snack aumenta con il passare della giornata.

Con una composizione comparabile, i livelli di glucosio e insulina aumentano più fortemente la sera dopo un pasto che al mattino. Per evitare obesità e picchi di zucchero nel sangue nel diabete, gli scienziati raccomandano quindi una colazione abbondante piuttosto che una cena abbondante.

Finora, i ricercatori hanno limitato il loro studio a uomini di peso normale. In uno studio di follow-up, hanno in programma di indagare sulla perdita di peso delle persone in sovrappeso per quanto riguarda la composizione del pasto. “Il nostro studio mostra che il dispendio energetico umano è generalmente più elevato al mattino che alla sera. Questo è geneticamente determinato e così per tutti ”, spiega il Prof. Oltmanns.

“Le persone in sovrappeso spesso saltano la colazione perché vogliono perdere peso e mangiano un pasto principale abbondante la sera quando la fame è opprimente. Ora vorremmo dimostrare che la perdita di peso si verifica se si mangia la stessa quantità di calorie principalmente nella prima metà della giornata. ” Non è chiaro fino a che punto i risultati si applichino anche alle donne.